Con l’attività fisica alle gambe sane senza varici

Le vene varicose sono le due parole più sgradevoli da cui rifugge ogni donna. Rovinano la bellezza delle gambe e con il tempo diventano un grande nemico della salute.

Non trascurate i primi sintomi delle varici

Le vene leggermente varicose sono un fenomeno sgradevole, noioso e visivamente poco attraente. Il problema compare se la malattia avanza. Allora può provocare gonfiore alle gambe, cambiamento del colore della pelle, stanchezza, crampi, dolore e ulcere. La conseguenza del mancato trattamento delle vene varicose è la trombosi venale. Ciò significa che si è verificato il ristagno del coagulo del sangue che può intasare la vena. La trombosi venosa può essere superficiale e profonda. Dipende se si forma nelle vene superficiali o profonde. La trombosi venale superficiale crea irregolarità sulla pelle. In tal caso le vene sono ingrossate, compare l’arrossamento e si verifica la sensibilità al contatto. L’area interessata è molto dolente. read more

Cosa vuol dire avere l ematocrito basso?

Che cos’è l’ematocrito

L’ematocrito, indicato con Hct, indica il rapporto che c’è tra globuli rossi, piastrine e leucociti rispetto al plasma che è la componente fluida del sangue. Per conoscere il valore, è sufficiente effettuare un normale prelievo del sangue. Di norma, il valore dell’ematocrito nelle persone adulte si aggira intorno al 38% – 50% per gli uomini e al 35% – 44% per le donne. A volte, si riscontrano dei casi in cui l’ematocrito è troppo basso perché i globuli rossi sono minori rispetto al plasma e allora vediamo di capire quali sono i sintomi e le cause. read more